Buone pratiche

Consideriamo buona pratica il TRASHWARE (termine nato dalla contrazione delle due parole inglesi TRASH – spazzatura e HARDWARE.

Si definisce trashware il recupero di computer dismessi, il loro ripristino funzionale grazie all’utilizzo del software libero.

Parte integrante del trashware è l’installazione su questi computer di software libero, i cui principi sono congruenti tale attività.

Il materiale informatico così ottenuto può essere ancora utilizzato in maniera efficiente e a basso costo, in particolar modo destinandolo ad iniziative benefiche che tentano di colmare il digital divide, ossia la differenza di mezzi a disposizione tra chi è informaticamente alfabetizzato e chi ancora non lo è.

Possiamo dunque parlare di informatica sostenibile quando viene utilizzato ogni accorgimento per sfruttare i computer fino alla fine del loro ciclo di vita, installando e utilizzando prevalentemente software libero e quando come ultima azione, si provvede al suo smaltimento in modo corretto, consegnandolo alla azienda di smaltimento locale, che si occuperà del conferimento ai centri di raccolta autorizzati.

Ultimi articoli

Vedi archivio »